Acqua tonica: le 16 marche migliori per il vostro gin tonic (e non solo)

The short URL of the present article is: https://myspecialfood.com/ThKUp

Acqua tonica: le 16 marche migliori per il vostro gin tonic (e non solo)

Acqua tonica. Alberto Blasetti Ph.Acqua tonica. Alberto Blasetti Ph.

Alla prova d’assaggio le tipologie Indian e Botanical, da bere assolute e/o da miscelare ad alcolici e liquori per drink classici e/o di ricerca. Bastano una fetta di limone e un’oliva pallida e l’estate può cominciare…

La classifica

Per stilare la nostra Top 16 di acque toniche – per scoprire tutto sull’acqua tonica, dalle origini alle diverse tipologie, leggi qui – abbiamo preso in esame solo quelle più classiche: sicuramente le Indian e tipo Indian, e le Botanicals più sobrie e dall’aromatizzazione non esuberante, escludendo le toniche che sconfinano nelle soft drinks new age, superaccessoriate e olfattivamente pervasive. Una scelta di contenuto, ma anche pratica: diversamente ne avremmo dovute assaggiare più di un centinaio!

Acqua tonica. Foto di Alberto Blasetti

Al panel di degustazione hanno partecipato: Emanuele Broccatelli, Cinzia Ferro, Carlotta Linzalata, Mara Nocilla e Paolo Trimani.

Acqua tonica. Foto di Alberto Blasetti

16 – Fentimans (Botanical)

Oltre una dozzina di soft botanical drinks britanniche, tra le quali la Traditional Ginger Beer, pietra miliare dell’attività avviata da Thomas Fentimans nel 1905, e le Tonic Water: la Premium Indian (etichetta scura) e la Botanical (etichetta chiara), distribuite da Meregalli. Plus del marchio: acqua pura di sorgente, estratto di chinino naturale indonesiano, infusi e oli essenziali di frutti, fiori, radici ed erbe aromatiche ottenuti con la tecnica tradizionale “Botanical brewing”. Convincente la Botanical, aromatizzata con infusi (fiore di lime, issopo, foglia di mirto, bacche di ginepro), estratti di erbe fermentate (bacche di ginepro, foglie di kaffir lime, lemongrass), aromi naturali di arancia e di chinino. Colore paglierino pallido, appena torbida, bolla quasi inesistente, si annuncia al naso fresca e vegetale. Al palato note di fiori bianchi e radici balsamiche ma appesantite da un timbro mieloso e citrico forzato che richiama il tè al limone; chiusura persistente di radice e bosco.

Fentimans -Hexham, Northumberland – Fearless House, Beaufront Park, Anick Road – +44(0)01434609847 – fentimans.com

Alberto Blasetti / www.albertoblasetti.com

15 – Plose (Acqua tonica)

Famosa per l’acqua imbottigliata, rigorosamente in vetro, proveniente da una sorgente a 1870 metri d’altezza sulle montagne dell’Alto Adige, Plose propone anche le Bibite Vintage, nate dall’incontro tra la stessa acqua pura di fonte, “agrumi del Mediterraneo e antiche ricette alpine”. Nella scuderia delle 11 bevande non manca l’acqua tonica (oltre agli ingredienti di rito anche i conservanti E202 ed E211). Limpida e incolore, perlage fine ma persistente, è una tonica classica e poco complessa, con le note agrumate di lime, pompelmo e cedro, un’eco erbacea e l’alta acidità che le regalano freschezza; gusto più dolce che amaro, ritorni citrici in bocca, finale scarico e amarognolo ma fresco e preciso. Bevetela come bibita, usatela per cocktail ma non per G&T: la spalla delicata dell’acqua tonica Plose non regge l’urto dell’amato distillato al profumo di ginepro.

Plose – Bressanone (BZ) – via Julius Durst, 12 – 0472836461 – acquaplose.com

Acqua tonica. Foto di Alberto Blasetti

14 – Paoletti (Tonica)

Azienda storica marchigiana specializzata nelle bibite classiche italiane e in quelle di nuova generazione. Un bel lavoro di marketing, sulle etichette ammiccanti pin up e una grafica anni Cinquanta, un gusto semplice e immediato (anche con l’aiuto della chimica: tra gli ingredienti sodio benzoato, l’E211) sono alla base delle sue 11 referenze di bibite, tra le quali una Tonica morbida, diretta e piaciona. Leggermente torbida, buona grana di bolla sottile e persistente, naso delicatamente agrumato virato sulle note del cedro, sapore intenso con una dolcezza accentuata da un’amarezza e da un’acidità pacate, freschezza data più dalla zampa citrica importante che dall’amaricante. Da bere così com’è, assoluta, meno nei cocktail e nel G&T.

Paoletti – Ascoli Piceno – loc. Marino del Tronto via dei Peschi, 5 – 0736341470 – bibitepaoletti.it

Acqua tonica. Foto di Alberto Blasetti

13 – Bevande Futuriste (Pure Tonic Scortese)

Nome ispirato al movimento di avanguardia culturale italiano del primo ‘900 per quest’azienda specializzata in premium soft drinks (prodotte da Fava di Mariano Comense). Due le linee di Pure Tonic: la Premium Mixology Cortese e la Botanica Scortese, entrambe fatte con estratto di china del Sud America. Entra in classifica la Scortese (in evidenza una grande S floreale sull’etichetta color rosso orchidea), con meno zucchero, aromatizzata con essenze e sostanze naturali: estratto di tè verde cinese, cardamomo nero dal Guatemala, timo e lemongrass dalla Cina. Colore giallo pallido, appena torbida, perlage non esuberante, è una tonica estrema, nata per stupire, da bere assoluta per chi ama i gusti molto asciutti e amari, per preparare alcuni cocktail al posto della soda, un Americano per esempio. Il naso è pacatissimo ma pulito. Al palato ha un amaro molto intenso, solitario e quasi monocorde, una dolcezza che gli lascia campo libero e intense note speziate di cardamomo.

Bevande Futuriste – Treviso – strada Callalta, 33 – 0422419879 – bevandefuturiste.it

Acqua tonica. Foto di Alberto Blasetti

12 – Q Drinks (Spectacular Tonic Water)

Acqua tonica statunitense di qualità premium, prodotto da Q Drinks e importata in Italia da Prima Lux Spirits. Ingredienti: estratto di chinino peruviano naturale, acqua di fonte ad alto contenuto di minerali, estratto di succo di limone e acido citrico, dolcificata solo con succo fresco biologico di agave messicana. La Spectacular Tonic Water si presenta appena velata e giallina, con giusto perlage. Al naso note fresche agrumate, erbacee e balsamiche, tendenti al medicinale. In bocca la freschezza è accentuata da una bolla prorompente, da una sensazione molto frizzante e da robusti accenti citrici; peccato un amaricante un po’ eccessivo che sbilancia il gusto. Una tonica interessante, particolare, di media intensità e buona persistenza, ma non del tutto centrata, con tante suggestioni e potenzialità non perfettamente espresse. No bevanda, sì cocktail, e se gin deve essere che sia aromatico ed esuberante.

Q Drinks – Brooklyn NY – 20 Jay Street, suite 630 – +1(0)7183986642 – qdrinks.com

Acqua tonica. Foto di Alberto Blasetti

11 – Abbondio (Acqua Tonica Premium)

Abbondio è un brand di soft drinks di qualità, oggi nel Gruppo Eurofood, prodotte da Fava di Mariano Comense e distribuite da D&C. La sua Acqua Tonica Premium, sulla bottiglia trasparente una graziosa pin up e una grafica vintage, è un prodotto artigianale fatto con chinino naturale estratto dalla corteccia di china. Colore giallo pallido e appena velata, buon perlage, è una tonica austera, rigorosa, precisa, equilibrata, ben pensata e realizzata in modo onesto, senza orpelli e pretese. Ha un naso delicato citrico e speziato con vaghi richiami all’odore del mare. In bocca esprime carattere, un temperamento gentile e floreale ma asciutto, pacatamente dolce, amaro il giusto e con l’acidità che gli spetta; finale pulito, buona persistenza. Godetevela come bevanda, usatela nel bere miscelato ma non nel G&T.

Abbondio – Corsico (MI) – via Privata Tacito, 12 – 02448761 – eurofood.it

Acqua tonica VHC. Foto di Alberto Blasetti

10 – VCH (Premium Tonic Water)

Acqua tonica premium, fatta esclusivamente con acqua minerale naturale della fonte di Vichy Catalan Caldes de Malavella (Girona), che sgorga spontaneamente a 60 metri di profondità, con la propria anidride carbonica “con tutte le sue proprietà minero-medicinali”, più aromi naturali agli agrumi, sucralosio e acesulfame (edulcoranti) al posto dello zucchero. Crystal, incolore e brillante, bolla grossa, abbondante e duratura. Al naso è molto delicata con nota dolce e citrica non perfettamente coese. Ma una volta sorseggiata le cose vanno diversamente: pulita, fresca, intensa e persistente, amara ma non amarissima e soprattutto con l’amaricante naturale del chinino che le regala sentori personalissimi di legno e radice, con richiami alla genziana, alla liquirizia e al rabarbaro, uniti a una vibrazione agrumata. Una tonica tutt’altro che classica, di grande personalità, da bere pura o da usare come fresco contrappunto a gin audaci e aromatici di stile contemporaneo.

VCH – Barcellona – Cl Corcega, 272 Entlo – +34(0)932387900 – latiendavichy.com

Acqua tonica Sanpellegrino. Foto di Alberto Blasetti

9 – Sanpellegrino (Tonica)

È la nuova tonica che arricchisce il portafoglio delle Bibite Sanpellegrino per l’estate 2018, in sostituzione della Old Tonic, pensata per i bartender e proposta sia nella tipica clavetta di vetro che in lattina (prodotta nello stabilimento aziendale di San Pellegrino Terme, BG). La grafica strizza l’occhio alla mixability, il colore richiama il legno di rovere, che insieme al legno di quassia è l’ingrediente aromatizzante principale, ad accompagnare chinina, zucchero e acido citrico. Incolore e brillante, buon perlage, è una tonica classica sui toni delicati, equilibrata, decisamente citrica, con ricordi floreali, gusto preciso e rinfrescante, finale secco, con la dolcezza riequilibrata dall’amaricante del chinino. Si avverte poco quella nota barricata così cool ricercata dalla Sanpellegrino. Austera ma non troppo, è apprezzabile per la sua versatilità, da bere assoluta e da miscelare; accompagnatela a gin aromatici e balsamici.

Sanpellegrino – Assago (MI) – via del Mulino, 6 – 0231971 – bibitesanpellegrino.it

Acqua tonica Franklin & sons. Foto di Alberto Blasetti

8 – Franklin & Sons (Natural Indian Tonic Water)

Storica azienda inglese di soft drinks, dal 1886, avviata dai fratelli George, Frederik e Albert Franklin, che cominciarono a vendere le loro bibite analcoliche e artigianali nella bottega di High Street a Londra. Una storia che prosegue oggi con bevande classiche e innovative, distribuite in Italia da D&C. La Natural Indian Tonic Water – acqua di sorgente frizzante, estratto naturale di corteccia di china del Sud America, zucchero, acido citrico o estratto di scorza di limone – è una tonica classica, con tutti e due i piedi nella tipologia, ma non ingessata e barbosa. Piace per quel suo timbro brillante, fresco, allegro, pulito, la nota citrica presente ma non sparata, la coerenza, il buon equilibrio gustativo e aromatico anche se senza acuti. Cristallina, con perlage discreto ma presente, gustatela assoluta o come base per cocktail; usatela con il gin e verrà fuori un buon G&T.

Franklin & Sons – Londra – Regno Unito – 33-35 Daws Lane – +44(0)01246 216000 – franklinandsons.co.uk

Acqua tonica Original Tonic Water. Foto di Alberto Blasetti

7 – Original Premium Tonic Water (Classic)

Original è una costola di Magnifique Brands, azienda spagnola che crea nuovi marchi di fascia premium. Le tonic water, distribuite in Italia da D&C, sono realizzate con ingredienti naturali per raggiungere un gusto fresco e autentico: acqua di sorgente raccolta nel Parco Naturale di Sant Llorenç del Munt e Sierra Obac, in Catalogna, estratto naturale di chinino, oli essenziali di agrumi e di essenze mediterranee (oltre a benzoato di sodio). La Classic è una tonica fresca, semplice e immediata, facile ma non banale, classica ma non monocorde, delicata e senza acuti però priva di spigoli, molto ben fatta, equilibratissima e con tutte le cose al posto giusto: buon perlage che frizza in un corpo giallino e leggermente velato, belle note citriche ma non forzate né eccessive, dolce e amaro che si bilanciano, intensità e persistenza. Un valido jolly da giocare su tutti i fronti: bevanda, analcolici, miscelazione, G&T.

Original Premium Tonic Water – Madrid – Paseo De La Castellana, 141 – edif. Cuzco IV / Ofic. 714 – +34(0)902400068 – theoriginaltonic.com

Acqua tonica Schweppes. Foto di Alberto Blasetti

Rapporto qualità/prezzo 6 – Schweppes (Tonica)

La mitica tonic water inventata nel 1783 dal Johann Jacob Schweppe, eclettico gioielliere e scienziato tedesco, poi marchio di un’omonima azienda inglese leader nel settore delle soft drinks, oggi di proprietà della statunitense Dr Pepper Snapple Group, è prodotta e distribuita in Italia da San Benedetto. In questa tonica c’è tutto quel che serve: crystal, buona bolla e persistente, freschezza, pulizia, equilibrio, coerenza, intensità, dolcezza controllata, note citriche e balsamiche giuste con richiami al mandarino e ai fiori d’arancio. E che ci crediate o no quella che porta Schweppes a un onorevole 6° posto, con nota di merito per il rapporto qualità/prezzo, non è la Premium Mixer (anche perché pensata per i bartender e reperibile solo nei locali specializzati) ma la sorella povera e “basic”, più economica e onnipresente sul mercato, nella bottiglietta da 18 cl, con etichetta gialla. Una tonica old style, figlia di una ricetta classica ma non banale né noiosa, ideale come bevanda e da miscelazione.

Schweppes – Scorzè (VE) – viale J.F. Kennedy, 65 – 800544555 – sanbenedetto.it

Acqua tonica Fever Tree. Foto di Alberto Blasetti

5 – Fever-Tree (Mediterranean Tonic)

Etichette metallizzate e un bel ventaglio di referenze per un’acqua tonica premium amata dai mixologist, distribuite in Italia da Velier. L’“albero della febbre” nasce a Londra nel 2005 con l’obiettivo di produrre soft-drink di alto profilo. Ingredienti selezionati, freschi e naturali: acqua pura di sorgente gasata, oli botanici (estratto di calendula e di arancia amara della Tanzania, limone siciliano, erbe aromatiche del Mediterraneo…), chinino del Congo orientale e come dolcificante zucchero di canna. A raggiungere il 5° posto è la Mediterranean, una via di mezzo tra la Indian e la Botanical, dove gli aromatizzanti sono estratti di agrumi, erbe e fiori delle coste mediterranee (limone, timo, geranio, rosmarino, mandarino), con un’esuberanza però naturale e molto controllata. Una tonica multitasking, classica e morbida, cristallina, bel perlage intenso e stabile, naso avvolgente floreale e agrumato tendente al balsamico, gusto armonico e non forzato, intenso e persistente.

Fever-Tree – Londra – 186-188 Shepherds Bush road – +44(0)02073494922 – fever-tree.com

Acqua tonica 1724. Foto di Alberto Blasetti

4 – 1724

Figlia della globalizzazione: nata in Argentina, prodotta in Cile e distribuita da un’azienda spagnola, Global Premium Brands (in Italia dalla Compagnia dei Caraibi). È una delle acque toniche gourmet più apprezzate, premiate e amate dai mixologist, fatta a misura di bartender e del Gin Mare, con il quale si sposa alla perfezione. Ingredienti non qualsiasi: chinino naturale raccolto a mano lungo uno dei leggendari sentieri Inca in Perù, a 1724 metri d’altezza (da cui il nome della tonica) e acqua pura di sorgente della Patagonia, in Argentina. E una ricetta costruita ad d’arte, completata da una carbonizzazione fine che richiama il perlage di certi Champagne. Il risultato è una tonic water appena velata, secca, fresca, intensa e persistente, di grande personalità, un po’ sapida e con un bell’equilibrio tra dolce e amaro (grazie anche al chinino sudamericano, meno bitter di quello asiatico), misurate note agrumate e vaghi accenti di rosmarino, finale preciso. Perfetta come bevanda e per accompagnare gin aromatici.

1724 – Madrid – calle Sta. Engracia 4 3ºD – +34(0)949872370 – 1724tonic.com

Acqua tonica Indi & Co. Foto di Alberto Blasetti

3 – Indi & Co. (Botanical Tonic Water)

Elegante, originale, ben rifinita e curata nei dettagli: nel contenitore, con l’elefantino e la grafica indian style sull’etichetta rossa che la rendono inconfondibile, e nel contenuto. In più biologica certificata. Prodotto premium dell’andalusa Indi Essences (distribuita in Italia da Onestigroup), è ottenuta attraverso tecniche artigianali e naturali, con macerazione e distillazione di prodotti botanici organic: kalonji dal Medio Oriente, cardamomo e fiore di kewra dall’India, estratto di scorza d’arancia e di corteccia di chinino dalla Spagna, oltre a scorza di limone e di lime, come dolcificante zucchero bianco e di canna. Limpida e incolore, bolla media persistente, la Botanical Tonic Water ha un naso fine e femminile, ricco di note agrumate, floreali, speziate ed erbacee. Bocca fresca, briosa, pulita, equilibrata, con una palette aromatica ancora più ampia e con richiami a fiori di sambuco e melissa. Perfetta come bevanda e ingredienti della migliore mixology, G&T compreso.

Indi & Co. – Siviglia – Parque Empresarial Nuevo – Torneo – calle Arquitectura, 2 – Torre 11 – Planta 6° Módulo 11 – +34(0)607075621 – +34(0)607075740 – indidrinks.com

Acqua tonica J. Gasco. Foto di Alberto Blasetti

2 – J.Gasco (Dry Bitter Tonic)

Primi anni del ‘900, in pieno proibizionismo. Giuseppe “Joseph” Gasco lascia la sua Gallipoli e raggiunge lo zio in America per lavorare nella sua ditta di trasporti, attività di copertura di quella reale: produzione e distribuzione di alcolici. Per contrastare la qualità scadente dei distillati del mercato clandestino Joseph comincia a produrre bibite di alto livello, che continua a produrre anche dopo la fine del proibizionismo, nel 1933, diventando famoso come “Uomo Gallo” (tuttora il logo della maison). Una bella storia che continua oggi (con la produzione affidata a Fava di Mariano Comense) con il Dry Bitter Tonic, etichetta verde: cristallina, perlage vivido ma fugace, è una tonica classica, precisa e armonica nei valori dolci e amari, pulita e delicata, con una fresca nota citrica di olio essenziale di limone, apertura zuccherina ma chiusura tesa, sapida e amaricante. Da bibita e da gin tonic con note fresche. In vendita da Eataly e La Rinascente.

J.Gasco – Torino – corso Re Umberto I, 10 – 01119211313 – www.jgasco.it

Acqua tonica AQ. Foto di Alberto Blasetti

1 – AQ – Aqua di Monaco (Green Organic Herbal Tonic Golden Extra Dry Tonic)

Acque toniche sofisticate in una decina di varianti (nel logo un cigno wagneriano), prodotte a Monaco di Baviera con acqua minerale ricca di anidride carbonica, estratta a una profondità di 150 metri. In degustazione la Tonic, la Gold e la Green. Vince quest’ultima, biologica, senza chinino – al suo posto trifoglio d’acqua e genziana maggiore – e profumata con rosmarino, fiori di lavanda, melissa e citronella, staccando di dieci punti la seconda classificata. Giallina e appena velata, la Green Organic Herbal Tonic, è un mondo di cose: austera ed esuberante, eccitante e rilassante, equilibrata ed esplosiva, persistente e pulitissima, di gran carattere e allo stesso tempo versatile, eccellente come bevanda e base per cocktail. Al naso un giardino: macchia, camomilla, radici, bosco, agrumi freschi. In bocca un amaricante naturale “di corteccia”. Molto buone anche le altre toniche maison: la classica Golden Extra Dry, amara e citrica, con note di cardamomo, ginepro e buccia di pompelmo, e la Tonic, ancora più sobria, amara e citrica.

AQ – Aqua di Monaco – Monaco – Germania – Zenettistrasse, 27 – +49(0)8989083690 – aquamonaco.com

a cura di Mara Nocilla

Classifica uscita nel mensile di giugno 2018 del Gambero Rosso. Il numero lo potete trovare in edicola o in versione digitale, su App Store o Play Store
Abbonamento qui

Source: Acqua tonica: le 16 marche migliori per il vostro gin tonic (e non solo)

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.