Anteprima Tre Bicchieri 2019. I migliori vini della Campania

Anteprima Tre Bicchieri 2019. I migliori vini della Campania

Le anticipazioni dei premiati dalla Guida Vini d’Italia 2019 del Gambero Rosso ci portano i Campania.

 

Se per i nostri antenati la Campania era “felix”, per i moderni appassionati di gastronomia e di vino non possiamo che usare lo stesso aggettivo. Le nostre degustazioni anche quest’anno ci hanno dato risultati eccellenti: la regione è pervasa da un clima di entusiasmo e di creatività che è solo destinato a crescere in futuro. La Campania del vino è un grande laboratorio a cielo aperto, dove vengono coltivati vitigni che qui albergano da millenni o magari sono stati riscoperti da poco, è un territorio con microclimi che dalle alture dell’Avellinese degradano fino alle vigne terrazzate della Costiera e del Cilento per arrivare sulle isole di Capri e di Ischia. Ben 23 sono le etichette premiate, anche se altri 50 vini hanno partecipato alle nostre finali e si sono classificati a un’incollatura dai premiati.

Se sommiamo i tre Taurasi, quello di Caggiano, quello di Feudi di San Gregorio e quello Contrade di Taurasi con i due Greco di Tufo, quello di Miniere e quello di Pietracupa con i tre Fiano d’Avellino (Tenuta del Meriggio, I Favati e Rocca del Principe) con l’Aglianico di Donnachiara arriviamo a ben 10 vini premiati per il comprensorio storicamente più importante della regione, l’Irpinia.Il Beneventano incalza, e raccoglie sempre maggiori consensi di mercato. Noi, oltre ai molti vini finalisti che vi raccomandiamo, abbiamo confermato i Tre Bicchieri a tre specialisti della Falanghina, La Guardiense, Terre Stregate e Fontanavecchia, cui si somma lo splendido Piedirosso di Mustilli, che realizza anche Falanghina di livello assoluto. Ma mentre ci arrivano segnali di ripresa confortanti da Lettere e Gragnano (Asprinio: chi l’ha visto?), non possiamo non notare la crescita del panorama costiero, che sia la Costa d’Amalfi (premiati Marisa Cuomo e Sammarco) o il Cilento, con gli ottimi vini di San Salvatore e quelli dal taglio artigianale di Casebianche. Ad Ischia a tenere alto il blasone dell’isola ci pensa Tommasone, con una straordinaria Biancolella. Chiudiamo la rassegna con i Campi Flegrei, dove la Falanghina di Astroni si conferma bianco di razza, e con il Casertano, dove due vignaioli appassionati come Alois e Nanni Copè lasciano intuire che oltre alle ottime etichette che premiamo c’è un potenziale che ancora può esprimersi. Chiudiamo la rassegna con un grande vino in una delle sue più felici espressioni, il Montevetrano ’16 di Silvia Imparato. Un panorama affascinante che nella sua complessità trova la chiave di lettura.

 

Aglianico ’16 – Donnachiara

Caiatì Pallagrello Bianco ’16 – Alois

Campi Flegrei Falanghina V. Astroni ’15 – Cantine Astroni

Costa d’Amalfi Furore Bianco Fiorduva ’17 – Marisa Cuomo

Costa d’Amalfi Ravello Bianco Selva delle Monache ’17 – Ettore Sammarco

Falanghina del Sannio Janare Senete ’17 – La Guardiense

Falanghina del Sannio Svelato ’17 – Terre Stregate

Fiano di Avellino ’17 – Tenuta del Meriggio

Fiano di Avellino Pietramara ’17 – I Favati

Fiano di Avellino Tognano ’15 – Rocca del Principe

Fiano di Avellino Ventidue ’16 – Villa Raiano

Greco di Tufo ’17 – Pietracupa

Greco di Tufo Miniere ’16 – Cantine dell’Angelo

Ischia Biancolella ’17 – La Pietra di Tommasone

Montevetrano ’16 – Montevetrano

Pashka’ ’17 – Casebianche

Pian di Stio ’17 – San Salvatore 1988

Sabbie di Sopra il Bosco ’16 – Nanni Copè

Sannio Sant’Agata dei Goti Piedirosso Artus ’16 – Mustilli

Sannio Taburno Falanghina Libero ’07 – Fontanavecchia

Taurasi Piano di Montevergine Ris. ’13 – Feudi di San Gregorio

Taurasi V. Macchia dei Goti ’14 – Antonio Caggiano

Taurasi Vigne d’Alto ’12 – Contrade di Taurasi

 

> Partecipa alla Grande Degustazione Tre Bicchieri 2019

 

Source: Anteprima Tre Bicchieri 2019. I migliori vini della Campania

The short URL of the present article is: https://myspecialfood.com/ffKX7

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.