Claudio Melis: lo chef sardo trasloca nel parco più bello di Bolzano. C’è ancora In Viaggio, nasce la Tree Brasserie

The short URL of the present article is: https://myspecialfood.com/PoryN

Claudio Melis: lo chef sardo trasloca nel parco più bello di Bolzano. C’è ancora In Viaggio, nasce la Tree Brasserie

La tajine di agnello di Tree Brasserie, dello chef Claudio MelisLa tajine di agnello di Tree Brasserie, dello chef Claudio Melis

Claudio Melis. Uno chef sardo a Bolzano

Si chiama In Viaggio non per caso, il “non luogo” che Claudio Melis, cuoco sardo in terra altoatesina, ha saputo costruire a sua immagine e somiglianza, a Bolzano. Perché sul valore del viaggio, e dei ricordi che ogni uscita ala scoperta del mondo regala a chi sa ascoltarli, si fonda la cucina di questa tavola gourmet che lo chef ha voluta affiancare alla proposta di territorio (ma sempre fine dining) del ristorante Zur Kaiserkron. Due attività complementari chiamate a convivere, fino a qualche tempo fa, in piazza della Mostra, all’interno di Palazzo Pock, dove Melis ha riversato tutta l’esperienza maturata in anni di militanza in cucina. All’inizio della primavera, però, e quasi in sordina, lo chef e la sua squadra hanno traslocato In Viaggio in un nuovo spazio, presso il Parkhotel Luna Mondschein di via Piave (mentre resta dov’era il Kaiserkron), con l’ambizione di poter continuare a creare nuovi format di ristorazione capaci di diversificare l’offerta gastronomica di una città come Bolzano, ancora troppo legata alle proposte tradizionali.

Il parco dell'Hotel Luna a Bolzano

In Viaggio. Il trasloco all’Hotel Luna

Con Melis è arrivato anche Robert Wieser, che del Kaiserkron è stato nume tutelare negli ultimi dieci anni (ma è molto più lunga la sua consuetudine con l’ospitalità, eredità di famiglia, in Val Badia) e ora è pronto a ripartire con tutto il gruppo negli spazi messi a disposizione dal Luna, che offre pure uno dei parchi più suggestivi del centro città. L’accordo è stato favorito da Stefan Mayr, patron dell’hotel Luna, che qualche tempo fa ha proposto a Wieser e Melis di ristrutturare alcuni locali inutilizzati del complesso: i due hanno subito fiutato l’opportunità, che si è concretizzata di lì a poco, con l’intervento dell’architetto Roberto De Concini. E infatti la famiglia, riunita sotto al brand Esendemì, ha iniziato subito a crescere: fermo restando il polo del Kaiserkron, a poche centinaia di metri, sempre nel cuore di Bolzano, il Luna accoglie già gli ospiti con la proposta di In Viaggio e con l’offerta più informale di una brasserie, la Tree Brasserie, inaugurata da qualche settimana proprio accanto alla nuova sede del ristorante gourmet, entrambe affacciate sul giardino dell’hotel, ora restituito alla città.

Tree Brasserie di chef Claudio Melis, la sala liberty

La Tree Brasserie di Claudio Melis. Menu e prezzi

Una tavola, dunque, che lavori come anello di congiunzione tra le degustazioni di In Viaggio e il prossimo step che Melis & Co. si apprestano a inaugurare il prossimo autunno, un tapas bar, che si chiamerà Toma. Ma iniziamo dalla Brasserie, già operativa a pieno regime. L’idea è quella di riscoprire il valore della condivisione a tavola – intercettando un uso antico che sembra aver margine per tornare a fare tendenza nella moderna ristorazione, pur lentamente – e insieme valorizzare il servizio al tavolo, con piatti da portata porzionati davanti ai commensali, con l’ausilio del maitre Davide Ungaro che suggerisce le possibili combinazioni agli ospiti. La brasserie – stile liberty, tavoli nudi, ampie vetrate che guardano al giardino – è così al servizio degli ospiti dell’albergo, ma pure di chi vuole godersi una pausa pranzo rilassata per staccare dal lavoro, o di una cena concepita con cura, a prezzi accessibili. Dal menu, lumache alla bourgouignonne (13), tartare di manzo (12), zuppa del frantoio con crostoni di pane (8), lasagna come una volta(14), tajine di agnello con cous cous e ceci (20), rib eye cotta alla brace (24).

Un piatto di pasta ripiena dello chef Claudio Melis

Dalla colazione al gourmet. Aspettando il tapas bar

In Viaggio, invece, apre solo di sera, si suona il campanello e si entra nel mondo più personale di Claudio Melis, che ora accoglie gli ospiti in uno spazio più confortevole (ma solo per 5 giorni alla settimana). Il pensiero che sta dietro al menu, invece, non è cambiato (tre i percorsi: 5, 7 o 9 portate, a mano libera dello chef, a 85, 105 o 120 euro). Ma con l’arrivo all’Hotel Luna la squadra di Melis e Wieser è chiamata anche a gestire le colazioni (dalle 7 alle 10, non solo per gli ospiti dell’albergo) e il brunch della domenica, che presto, dalla fine di giugno, sarà presentato tra i servizi a disposizione della città. A settembre, invece, sarà la volta di Toma, con accesso diretto da via Bottai: offerta giovane, spigliata, informale, in stile tapas bar. Ma sempre nel segno di Claudio Melis.

 

Tree Brasserie – Bolzano – Parkhotel Luna – via Piave, 15 (si entra anche da via Bottai 25) – www.treebrasserie.it

In Viaggio – Bolzano – via Piave, 15 – www.inviaggioristorante.com

 

a cura di Livia Montagnoli

Source: Claudio Melis: lo chef sardo trasloca nel parco più bello di Bolzano. C’è ancora In Viaggio, nasce la Tree Brasserie

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.