Colazione a Torino. Le migliori pasticcerie della città e dintorni

Colazione a Torino. Le migliori pasticcerie della città e dintorni

Ricca e golosa, la tradizione dolciaria torinese ha dato origine nel tempo a una serie di indirizzi d’autore in città e nelle zone limitrofe. Ecco quali sono le insegne da non perdere secondo la guida Pasticceri&Pasticcerie. 

 

Una solida tradizione cioccolatiera, ma non solo: Torino ha molto da offrire agli amanti del dolce, grazie alle insegne più ricercate che da anni si dedicano alla realizzazione di torte e lieviti d’eccellenza. Dai semifreddi alle praline, passando per mignon e frolle, la scelta si fa sempre più ampia e variegata e, come ogni anno, la guida Pasticceri&Pasticcerie del Gambero Rosso fa luce sugli indirizzi migliori.Abbiamo deciso di raccontarvi le tre pasticcerie più valide di Torino-città e le tre migliori dei dintorni, in un raggio massimo di 30 chilometri di distanza.

In città

Farmacia del Cambio – Torino

L’insegna della storica ex farmacia Bestente recita 1833; e i mobili d’epoca e l’atmosfera d’antan contribuiscono a rafforzarne il fascino antico. In questo laboratorio d’eccellenza annesso al celebre ristorante Del Cambio, a supervisionare i lavori c’è Fabrizio Galla, che proprio per questo indirizzo e per il ristorante ha creato la torta 1757 – anno di fondazione di Del Cambio. Al suo fianco, il pastry chef Nicola Dobnik, che dà vita a torte di ogni tipo, da quelle alla frutta fresca alle meringate, dalla millefoglie alla torta di nocciole. Ma qui si viene anche per gustare i tanti mignon impeccabili: bignè, minibunet, tartellette di frutta, bacio di dama quadrato, tanto per citarne alcuni. E poi monoporzioni dei dessert del ristorante, oltre a una selezione di lieviti d’autore. Non possono mancare, infine, praline e cioccolatini, gelati-dessert in coppetta – ottimo il gusto bicerin – e i lievitati delle feste.

Farmacia del Cambio – Torino – piazza Carignano, 2 – 011 19211250www.delcambio.it

Dell’Agnese

Una tradizione di famiglia che ha sempre puntato sulla ricerca della qualità e il legame con il territorio, principi oggi condivisi e portati avanti con impegno da Giovanni Dell’Agnese, affiancato dalla moglie e i figli Luca e Cristina. Nella sua pasticceria-gelateria la scelta è davvero ampia, dai mignon piemontesi – bignoline, savoiardi, baci di dama, paste di meliga – alle torte, classiche o moderne. Deliziose la Charlotte, la golosa Sacher ma anche la Testa di moro al cioccolato, fra i marchi di fabbrica del locale, senza dimenticare poi le torte da matrimonio decorate ad arte. Dal lievito madre tramandato di generazione in generazione nascono colombe e panettoni, ma il vero punto di forza della pasticceria sono i marron glacé artigianali, con i marroni di Villarfioccardo: una vera delizia in grado di stupire anche i palati più esigenti. Presente, poi, una selezione di pasticceria salata, che spazia dalle torte ai macaron, ideale accompagnamento per il momento dell’aperitivo.

Dell’Agnese – Torino – c.so Unione Sovietica, 417 – www.dellagnesegiovanni.it

Stratta

Un punto di riferimento fin dal 1836, una bottega delle delizie sotto i portici di piazza San Carlo che, ancora oggi, sa presentare il meglio della tradizione artigianale piemontese. A cominciare dalla prima colazione, momento dedicato a veneziane, crostatine, trecce, cornetti e cannoli perfettamente sfogliati, dal profumo di burro buono e l’alveolatura leggera e omogenea. Si prosegue poi con tutto il repertorio di piccola pasticceria fresca e secca, tra macaron, semifreddi al bicchiere (insuperabile la panna cotta) e monoporzioni creative. Non mancano poi le torte, come la Adri, specialità della casa, un pan di Spagna con coulis di fragole e lamponi, crema pasticcera, fragole e lamponi freschi. E poi la classica millefoglie, la Paris-Brest, la Sacher e la bavarese con fragoline di bosco. Ci sono anche tutti i dolci stagionali delle feste, dalla focaccia della Befana ai tronchetti di Natale. Per gli amanti dei grandi lievitati, poi, disponibili anche i panettoni, declinati in tante varianti diverse.

Stratta – Torino – piazza San Carlo, 191 – www.stratta1836.it

Fuori città

Dalmasso – Avigliana

Figlio d’arte, Alessandro Dalmasso ha cominciato da ragazzo a destreggiarsi fra burro e farine, rappresentando l’Italia al Juonieres Gran Prix de la Pâtisserie di Lione a soli 17 anni. A 23 ha aperto la sua pasticceria, un punto di riferimento per tutti i golosi, vero tempio del gusto dove assaporare creazioni uniche di ineccepibile fattura. A cominciare dai mignon, autentici gioielli di design, tra bavaresi alle creme, tortini con confetture e trancetti. Ma ci sono anche le torte, dall’ormai celebre Peccato di gola, che nel 2011 gli ha fatto guadagnare l’argento alla Coppa del Mondo di Lione, alla Rosì – omaggio alla mamma – una bavarese con vino rosé, crema Chantilly, fragole e gelatina di ibiscus. Ottimo, poi, il comparto cioccolateria, la selezione di gelatine alla frutta e le Tenerezze, degli amaretti morbidi in scatoline di latta. Immancabili i grandi lievitati delle feste, declinati in tante sfumature, dalla versione classica alla variante al Moscato o alle albicocche. Presente anche una seconda sede a Rivoli.

Dalmasso – Avigliana (TO) – c.so Laghi, 10 – 011.9311482www.pasticceriadalmasso.it

Marco Vacchieri Dolci Intuizioni – Rivalta di Torino

La specialità della casa resta la meringata in tutte le sue varianti – imbattibile quella con panna e Champagne – ma nel locale di Marco Vacchieri sono tante le delizie da assaporare con gusto, dalle paste sfoglie scioglievoli alla pasticceria mignon fresca. Bignoline, pasticcini e gelatine di frutta affiancano un comparto di biscotteria ricercato, tra tegolini, brutti ma buoni, savoiardi e frollini più originali come gli himalayen, con cioccolato, arancia e sale rosa dell’Himalaya. Gli amanti delle creme non resteranno delusi dalla spalmabile al gianduia, da poco presente anche nella golosa versione al pistacchio, mentre gli appassionati di cioccolato possono contare su una nutrita serie di praline d’autore, buone da mangiare e belle da vedere. Non mancano le torte, dalla Saint Honoré alla Vacchier, ovvero una rivisitazione della Sacher con lo zabaione.

Marco Vacchieri Dolci Intuizioni – Rivalta di Torino (TO) – via Roma, 2 – 011 9090249 – www.vacchieri.it

Fabrizio Galla – San Sebastiano da Po

Piemontese convinto, dopo un’esperienza negli Stati Uniti Fabrizio Galla decide di tornare a casa, alle porte di Torino, dove il suo locale è ormai da tempo una tappa fissa per tutti i buongustai. Stagionalità, ricerca delle materie prime e rispetto della tradizione sono i punti chiave della sua filosofia, lascito del maestro Massari e frutto dei suoi studi intensi. Infaticabile artigiano, Fabrizio si divide fra il laboratorio in collina, il ristorante Del Cambio e la Farmacia del Cambio. Nella sua pasticceria, si trovano brioche per la prima colazione – da non perdere la veneziana – torte e mignon irresistibili, che cambiano di continuo assecondando il ritmo delle stagioni. Tra gli assaggi irrinunciabili, la torta Jessica, con cui nel 2007 ha vinto la Coppa del Mondo di Pasticceria, felice combinazione di sei strati di cialda, gianduia e cioccolato. E poi il cioccolato, tanto cioccolato, dalle creme spalmabili alle praline curate nei minimi dettagli. Per le giornate più calde, poi, c’è anche il gelato artigianale, interpretato in otto originali gusti diversi.

Fabrizio Galla – San Sebastiano da Po (TO) – via Chivasso, 79b – 011 9197998 – www.fabriziogalla.it

a cura di Michela Becchi

Pasticceri & Pasticcerie 2019 del Gambero Rosso | Prezzo: 14,90 | disponibile in edicola, libreria e on line

Colazione a Brescia. Le migliori pasticcerie della città e dintorni 

Source: Colazione a Torino. Le migliori pasticcerie della città e dintorni

The short URL of the present article is: https://myspecialfood.com/6DTrP

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.